Blog

Curcuma, proprietà benefici e controindicazioni

by in Curiosità e Novità Febbraio 27, 2018

Una radice di origine orientale, reperibile ormai in ogni angolo del mondo per il suo grande potere antiinfiammatorio, antivirale, antiossidante e detossinante. La si può trovare anche in polvere, molto pratica nell’utilizzo ma con un potere inferiore alla radice.
La sua componente attiva (curcumina), apporta molte proprietà benefiche per la salute dell’uomo tra cui rinforzo del sistema immunitario fondamentale per combattere attacchi da virus e batteri patogeni.
Molto utilizzata nella medicina tradizionale cinese per il riequilibrio di stomaco milza e pancreas; nella medicina ayurvedica per far fluire l’energia eliminando scorie e tossine grazie alla forza depurativa è infatti un detossinante per eccellenza, stimolando la produzione di bile nel fegato.

E’ perciò controindicata alle persone con disturbi epatici.

Rende il sangue più liquido, cura i disturbi femminili (dolori mestruali), contrasta le malattie croniche infiammatorie e la formazione di colesterolo LDL (colesterolo cattivo) a livello del fegato.
Ottimo supporto ad artriti, artrosi, cefalee ed emicranie.
Facilita inoltre l’eliminazione del grasso addominale.
Per essere assorbita dall’organismo, però, necessita della peperina che è il composto attivo del pepe e che ne attiva la biodisponibilità.
La curcuma è una spezia interessante sia nei piatti salati che dolci, pur avendo una sapore particolare si presta bene ai molti utilizzi in cucina arricchendo di sapore e di salute.
La si può trovare n polvere, con un potere nutrizionale e antiinfiammatorio inferiore della radice, che però è un po’ più difficile da trovare. Attenzione al suo utilizzo perché macchia molto.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

    × Contattami su Whatsapp